“Abbandonare la via della violenza”

“È sempre perdente” così dopo l’Angelus il S. Padre ha ricordato i recenti attentati terroristici

violenza
© Vatican Media

Dopo la recita dell’Angelus, Papa Francesco ha ricordato l’iniziativa di Aiuto alla Chiesa che Soffre, la beatificazione dei martiri della Guerra Civile spagnola, gli ultimi attentati terroristici. In particolare, ha chiesto di abbandonare la via della violenza, “sempre perdente”. Ecco le sue parole:

Cari fratelli e sorelle! Oggi la Fondazione “Aiuto alla Chiesa che soffre” dà appuntamento a parrocchie, scuole e famiglie con l’iniziativa “Per l’unità e la pace, un milione di bambini recita il Rosario”. Incoraggio questa campagna di preghiera, che quest’anno in modo particolare si affida all’intercessione di San Giuseppe. Grazie a tutti i bambini e le bambine che partecipano! Grazie tante.

Nuovi beati

Ieri a Cordova, in Spagna, sono stati beatificati il sacerdote Juan Elías Medina e 126 compagni martiri: sacerdoti, religiose, seminaristi e laici, uccisi in odio alla fede durante la violenta persecuzione religiosa degli anni Trenta in Spagna. La loro fedeltà dia la forza a tutti noi, specialmente ai cristiani perseguitati in diverse parti del mondo, la forza di testimoniare con coraggio il Vangelo. Un applauso ai nuovi Beati!

La scorsa settimana sono stati compiuti vari attentati, per esempio in Norvegia, Afghanistan, Inghilterra, che hanno provocato numerosi morti e feriti. Esprimo la mia vicinanza ai familiari delle vittime. Vi prego, per favore, di abbandonare la via della violenza, che è sempre perdente, che è una sconfitta per tutti. Ricordiamoci che violenza genera violenza.

I saluti

Saluto tutti voi, romani e pellegrini di vari Paesi. In particolare, saluto le Suore “Medee” che celebrano il loro Capitolo generale, la Confederazione dei Poveri Cavalieri di San Bernardo di Chiaravalle, gli imprenditori africani riuniti per il loro incontro internazionale, i fedeli di Este, Cavallino e Ca’ Vio (Venezia), e i ragazzi della Cresima di Galzignano.

Saluto e benedico il “Pellegrinaggio ecumenico per la giustizia ecologica”, formato da cristiani di diverse confessioni, partiti dalla Polonia e diretti in Scozia in occasione del vertice sul clima COP26. E a tutti voi auguro una buona domenica. Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!