Così funziona la Piattaforma d’azione Laudato Si’

Ambiti, obiettivi e durata spiegati dal responsabile Ecologia del Dicastero per lo sviluppo umano integrale

piattaforma d'azione laudato si'
Padre Joshtrom Isaac Kureethadam Copyright: Deborah Castellano Lubov / Exaudi

Che cos’è la Piattaforma d’Azione Laudato si’ lanciata con il suo videomessaggio da Papa Francesco? Come funziona? La spiegazione l’ha fornita padre Joshtrom Isaac Kureethadam, salesiano di origine indiana, coordinatore della Sezione “Ecologia e Creato” del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

Sette ambiti e sette obiettivi

“È un viaggio per realizzare la visione ecologica integrale della Laudato si’” ha affermato il religioso. “Al fine di riunire le persone per prendersi cura della nostra casa comune, abbiamo identificato sette settori chiave: Famiglie; Parrocchie e Diocesi; Scuole e Università; Ospedali e Centri di Cura: Economia (Lavoratori e Imprese, Fattorie e Cooperative); Gruppi, Movimenti e Organizzazioni; Ordini Religiosi”. La Piattaforma “è un viaggio verso la sostenibilità totale nello spirito dell’ecologia integrale. Per assicurarci di rimanere fedeli alla visione ecologica integrale della Laudato si’, proponiamo sette Obiettivi della Laudato si’, cioè la Risposta al Grido della Terra, la Risposta al Grido dei Poveri, l’Economia Ecologica, l’Adozione di Stili di Vita Semplici, l’Educazione Ecologica, la Spiritualità Ecologica, il Coinvolgimento della Comunità e l’Azione Partecipativa”.

Un progetto a lungo termine

Un progetto a lungo termine, ha detto padre Kureethadam: “La Piattaforma d’azione Laudato si’ è un viaggio da realizzare nel tempo. Ispirandoci al tema biblico del Giubileo abbiamo scelto un periodo di sette anni. Prevediamo che il primo anno sia dedicato ai tre compiti fondamentali della costruzione della comunità, della condivisione delle risorse e dell’elaborazione di piani d’azione concreti per la realizzazione dei sette Obiettivi della Laudato si’. Questo sarà seguito da cinque anni di azioni concrete (alcuni potrebbero finire questa parte del viaggio anche più velocemente). L’ultimo anno sarà l’anno sabbatico per lodare e ringraziare Dio”.

Per realizzare questa Piattaforma, accessibile dal sito www.laudatosi.va in nove lingue, il Dicastero lavora da circa due anni: “c’è un “comitato direttivo” ad hoc che guida questo processo”, guidato dal Dicastero ma con numerosi partners in tutto il mondo.

Movimento dal basso

“La nostra preghiera e il nostro sogno è quello di avviare ‘un movimento popolare dal basso’ che possa davvero portare il cambiamento radicale necessario data l’urgenza della crisi della nostra casa comune. Per questo, la Piattaforma sarà un viaggio di crescita esponenziale. Il primo gruppo di coloro che desiderano aderire avrà tempo da oggi al 4 ottobre, festa di San Francesco d’Assisi, per iscriversi al programma. Speriamo che l’anno prossimo un gruppo più grande possa iniziare il suo viaggio di sette anni, l’anno successivo un altro gruppo ancora più grande e così via. In questo modo, speriamo di creare la massa critica necessaria per la trasformazione della società”. Un movimento dal basso che sia in grado “di fare pressione sui leaders” perché “la crisi è così complessa che richiede interventi sia dal basso che dall’alto”.