Giovanni Paolo II e Wyszyński, tandem armonioso

Un ricordo del profondo rapporto tra i due grandi polacchi

Giovanni Paolo II
Giovanni Paolo II con il cardinale Wyszynski (C) Primate Cardinal Stefan Wyszynski Institute

Nel giorno della memoria di San Giovanni Paolo II, condividiamo il ricordo del Family News Service sul rapporto tra il grande Papa polacco e il suo Primate fino all’elezione, il beato cardinale Wyszyński.

***

Piazza S. Pietro traboccante il 22 ottobre 1978. Santa Messa di inaugurazione del pontificato del neoeletto Papa. Curiosità con un misto di sensazioni: il Papa di un paese lontano, un polacco, il primo non italiano sul trono di Pietro da 455 anni. Come sarà? Che cosa farà? – Cadono i muri e le cortine di ferro, l’Europa delle caselle bianche, che giace da qualche parte a Est, fuori portata, inizia a riempirsi di informazioni.

Wyszyński in ginocchio

Durante l’Homagium, cioè il tradizionale omaggio al Santo Padre – il card. Wyszyński cade in ginocchio, ma Giovanni Paolo II gli bacia la mano. Il giorno dopo, in un gruppo più ristretto, durante un’udienza per i polacchi, pronuncia l’ormai famosa affermazione: “Non ci sarebbe nessun Papa polacco sulla Sede di Pietro, che oggi, pieno di timore di Dio, ma anche pieno di fiducia, inizia un nuovo pontificato, se non fosse stato per la Tua fede, che non si sottrasse alla prigionia e alla sofferenza, se non fosse stato per la tua eroica speranza, il Tuo affidamento senza riserve alla Madre della Chiesa, se non fosse stato per Jasna Góra – e tutto questo periodo della storia della Chiesa nella nostra Patria, che è legato al Tuo ministero episcopale e di Primate”.

Insieme per la Chiesa

Erano un tandem armonioso. Wyszyński, il Primate della Polonia, più vecchio di una generazione, aveva già esperienza nella guida della Chiesa. Wojtyła, il metropolita di Cracovia, imparò presto e fu leale. Una stretta collaboratrice del Primate ricorda che dopo aver ottenuto la dignità cardinalizia per l’Arcivescovo Wojtyla, il card. Wyszyński disse che d’ora in poi sarebbero stati come due cavalli per trainare il carro della Chiesa.

Giovanni P
(C) Primate Cardinal Stefan Wyszynski Institute

Erano personalità uniche, ma fuse dalle loro esperienze di vita: erano cresciuti orfani dei loro genitori, che, dopo la morte delle loro madri, si erano votati senza riserve alla Madre di Dio. Come sacerdoti e vescovi, nonostante le difficoltà e le angherie da parte delle autorità comuniste, hanno evangelizzato instancabilmente e con passione, ricordando il bene di tutti i loro connazionali e dell’intera nazione. Insieme percorsero la strada accidentata fino a quando furono pronunciate le parole: Non ci sarebbe stato nessun Papa polacco sulla Sede di Pietro…

Nel 1983, durante il secondo pellegrinaggio in Polonia, il Papa ha ringraziato la Provvidenza di Dio “per il fatto che nel difficile periodo della nostra storia, dopo la seconda guerra mondiale, a cavallo tra il primo e il secondo millennio – ci ha donato questo Primate, questo Uomo di Dio, questo Amante della Madonna di Jasna Góra, questa intrepido Servo della Chiesa e della Patria”.

Fino alla fine

Sono diventati anche una comunità di sofferenza nei giorni in cui il Card. Wyszyński stava morendo e il 13 maggio 1981 Giovanni Paolo II fu ferito in un attentato. Allora il Primate chiese ai suoi connazionali di non pregare per lui, ma per il Papa ferito, che allora si trovava al Policlinico Gemelli.

L’ultima conversazione di questi due grandi polacchi ebbe luogo il 25 maggio. Il Primate era già sicuro che Giovanni Paolo sarebbe sopravvissuto, gli disse che gli stava baciando le mani, e Giovanni Paolo II rispose che stava baciando i piedi del cardinale. E hanno affermato che la Madonna era con loro.

Una figura da riscoprire

Come vengono ricordati il primate Wyszyński e Giovanni Paolo II? Il ricordo di loro è vivo o si è ridotto a un devoto ricordo? Aneta Liberacka, Presidente di Media Foundation 7 ed Editrice del portale Stacja 7, che ha deciso di riprendere la biografia del card. Wyszyński, “Il Padre di persone libere” di Paweł Zuchniewicz afferma in un’intervista a Family News che i giovani polacchi non conoscono il Primate del Millennio o ne sanno molto poco. Da qui l’idea di ristampare il libro e va sottolineato che è stata una buona decisione – l’edizione è quasi esaurita. Perché è molto importante la modalità con cui si raggiunge il pubblico giovane. – Bisogna comunicare i fatti più importanti del suo curriculum vitae, ma quando mostriamo che si può imparare da lui a vivere, pregare, lavorare, allora diventa una guida e un’autorità.

Un interesse sorprendente

Il Presidente della Fondazione è rimasta positivamente sorpresa quando, a seguito della proposta che il pubblico del portale Stazione 7 ponesse domande relative al card. Wyszyński, ha ricevuto ben quattrocento domande. La redazione non si aspettava una risposta così ampia e il pubblico ha posto domande sullo sviluppo di aspetti quali la pazienza, la perseveranza, la pianificazione, la gestione del tempo, la vocazione al matrimonio. Questo devono imparare dal cardinale che è stato elevato agli altari in settembre. Non tutte le domande erano strettamente confessionali e mostravano che quando si va incontro ai giovani, loro reagiscono e si interessano alla figura del Primate, perché può insegnare molte cose importanti.

Per il pubblico adulto, invece, è una sorta di allenatore, un formatore che insegna il lavoro, ma non solo – mostra anche quali qualità in una persona sono plasmate dal lavoro, che non è solo un mezzo per guadagnarsi da vivere, ma modella anche il carattere, scolpisce sempre qualcosa nella persona, ad esempio la pazienza e l’umiltà, e grazie a questo si può vedere il suo nuovo significato.

Il Portale Stazione 7 ha anche preparato delle dispense sul primate Wyszyński per gli insegnanti, con le quali si potrà imparare cosa sono i valori, la santità e la libertà. Ci sono anche dei quiz e un gioco di carte per avvicinare questo polacco unico.

Due figure indissolubili

Andrzej Arseniuk, addetto stampa del Museo Giovanni Paolo II e del Primate Wyszyński, parla del crescente interesse per la figura del Primate del Millennio. A suo avviso è legato alla beatificazione del card. Wyszyński di settembre e, dopo la pausa per la pandemia, sempre più scuole chiedono di visitare il Museo in gruppi organizzati. Il tempo, la moderna presentazione del Papa e del Primate, l’organizzazione di seminari e la familiarizzazione con il loro messaggio sono determinanti affinché i Patroni siano presenti nella coscienza della prossima generazione di polacchi.

Alla domanda se i suoi compatrioti associano Giovanni Paolo II solo a un devoto ricordo, il Vicedirettore del Museo, Grzegorz Polak, reagisce con una certa impazienza. Il museo è dedicato a preservare la memoria dei più grandi polacchi della storia, ma a suo avviso, deve essere fatto con abilità. Il modo più semplice è “vestire” papa Wojtyla in abiti confessionali, ma in questo modo non raggiungerà un gruppo più ampio. Va mostrato che Giovanni Paolo II ha rivolto il suo messaggio a tutte le persone, non solo ai credenti.

Un messaggio non solo per i credenti

Grzegorz Polak fa un esempio: il pellegrinaggio del Santo Padre in patria nel 1991, dopo la caduta del comunismo. In quel momento il Papa dedicò le sue prediche al Decalogo e rivolse a tutti la sua parola. Nel Decalogo i primi tre comandamenti sono confessionali, il resto vale per tutti senza eccezioni. E il messaggio di Giovanni Paolo II non era incentrato sui comandamenti, ma era positivo, mostrava che il comandamento era persuadere le persone a lavorare su sé stesse, mostrava il loro aspetto positivo.

Ad esempio, nel quarto comandamento, “Onora tuo padre e tua madre” – vivi in modo tale da meritare il rispetto dei tuoi figli. Il quinto comandamento “Non uccidere”, ma anche rispetta e proteggi la vita. Ha parlato di aborto, ha lanciato un appello alle comunità parrocchiali e ecclesiali per aiutare le donne incinte. Nei comandamenti successivi, ad esempio l’ottavo “Non dire falsa testimonianza”, è entrato nell’area dei media, ha detto che la parola dovrebbe unire. In tutto, ha indicato problemi attuali ma eterni: la famiglia, i diritti umani, la libertà.

Il vicedirettore del Museo informa che una squadra di suoi collaboratori è entrata nello spazio pubblico con locandine, cartelloni pubblicitari, pubblicità sugli autobus, vengono organizzati laboratori per varie fasce d’età, in cui si parla della famiglia, dell’amicizia e della responsabilità. – Il modo di raggiungere il pubblico è importante per trasmettere valori ai giovani. E il modo migliore per arrivarci è raccontando, ad esempio, come Giovanni Paolo II visitò una famiglia in una baracca africana o la famiglia Milewski sul lago Wigierkie. L’esempio è importante, verrà il tempo anche per leggere i testi – sottolinea Grzegorz Polak.

Un tesoro a cui attingere

Afferma che da questi grandi polacchi si può sempre imparare. Proprio adesso è stata pubblicata la loro corrispondenza. Si può imparare il rispetto per ogni persona e il dialogo con tutti, anche con i più lontani ideologicamente. Hanno scritto rispettosamente dei comunisti, i loro oppositori.

– Abbiamo un tesoro a portata di mano, dobbiamo attingere da esso e insegnare come trasmettere la loro grande eredità – ha affermato Grzegorz Polak.