Tagle a Exaudi: la migrazione può essere un movimento missionario

Il porporato riflette su 500 anni di evangelizzazione delle Filippine, sul cibo e su come un immigrato respinto potrebbe essere il 'nonno' di un futuro cardinale

Tagle a Exaudi: la migrazione può essere un movimento missionario
Il cardinale Tagle con il Papa Copyright Vatican Media
Reading Time: 4 minutes

Il cardinale Luis Antonio Tagle sostiene che la migrazione può essere un movimento missionario. Il prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli lo ha detto a Deborah Castellano Lubov di Exaudi nella conferenza stampa vaticana a conclusione della campagna internazionale di Caritas Internationalis “Share the Journey – Condividiamo il viaggio”. L’incontro del 15 giugno si è svolto nella Sala Stampa della Santa Sede sul tema: “Caritas Internationalis in viaggio con i migranti e i rifugiati. Guardando al futuro dopo quattro anni di campagna ‘Share the Journey'”. Oltre a Tagle, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e Presidente di Caritas Internationalis, sono intervenuti Mons. Bruno-Marie Duffe, Segretario del Dicastero per la Promozione dello Sviluppo Umano Integrale; Aloysius John, Segretario Generale di Caritas Internationalis; e Suor Maria de Lurdes Lodi Rissini, Coordinatrice Nazionale di Caritas in Sud Africa, in collegamento remoto.

Notando come il Cardinale filippino abbia sottolineato come la campagna sia formalmente terminata ma la missione continui ancora, il Direttore Editoriale di Exaudi ha chiesto al Prefetto di Propaganda Fide come vede la vicinanza e la preoccupazione della Chiesa per il fenomeno migratorio asiatico, e cosa ritiene abbia bisogno di una risposta ulteriore.

L’Asia compresa attraverso il cibo

Una risposta umile: “Non pretendo di essere un esperto di tutte le questioni asiatiche. L’Asia è il continente più grande, infatti noi diciamo che non c’è una sola Asia, ma ci sono forse almeno cinque ‘Asia’, a seconda di come la si descrive: noi preferiamo descriverla attraverso il cibo”.

“Abbiamo l’Asia del curry, abbiamo l’Asia delle bacchette, abbiamo l’Asia delle foglie di banana”, ha detto sorridendo. “È più conveniente. Siamo riuniti dal nostro comune amore per il cibo, e non è solo cibo, ma è riunirsi”.

Durante il pasto, ha riflettuto, è dove si condividono le storie.

“È triste dire che in alcune parti dell’Asia, questo riunirsi per condividere un pasto comune, per condividere un sogno comune, per condividere i frutti della terra comune, è ancora un sogno sfuggente”, ha seriamente lamentato, incolpando molti fattori culturali, etnici ed economici.

“Ci sono numerose barriere”, ha aggiunto.

“E qui con sincerità, e diciamo “santo orgoglio”, vediamo che in alcune parti, c’è una divisione tesa. È la Chiesa che è una minoranza in molte parti dell’Asia, [ma] è questa Chiesa che è ancora in grado di riunire le persone, soprattutto attraverso i suoi servizi: attraverso l’istruzione, attraverso le scuole, e altro ancora.”

La Chiesa può essere la minoranza in Asia, ma il suo impatto è potente

“In alcune parti dell’Asia, se hai una scuola gestita dalla Chiesa, con 1000 studenti, sei fortunato se ci sono 10 cristiani”, ha sottolineato. “Ma attraverso il sistema educativo”, ha continuato, “hanno una via, uno spazio, fornito dalla Chiesa, per questo incontro: le cliniche, gli ospedali, i servizi sociali…”

In questo modo, ha sottolineato, l’evangelizzazione della Chiesa e il lavoro della Caritas si fondono davvero.

“Ma per me”, ha detto l’ex arcivescovo di Manila, “è questo atto coraggioso dove uno spazio dove gli apolidi potrebbero venire, compresi tutti quei bambini senza nome, bambini a cui vengono dati solo numeri perché sono stati rifugiati, e quindi non hanno diritto a un nome… bambini che sono stati separati dai genitori, e non sanno nemmeno se li rivedranno”.

“Uno”, ha denunciato, “sente le grida degli altri: Ho letto la storia di una ragazza che ha detto: ho sentito qualcuno piangere, e ho capito che non stavo piangendo da sola”.

“Questi sono gli spazi, gli spazi umili, ai quali io dico con ‘santo orgoglio’, che sono contento che la Chiesa provveda”, ha detto il cardinale Tagle.

Con tristezza, dicono che molti filippini preferirebbero rimanere a casa

Exaudi ha ricordato che quest’anno le Filippine celebrano i 500 anni dalla loro evangelizzazione. Notando che da allora i filippini sono diventati in un certo senso evangelizzatori in tutto il mondo, ha chiesto al cardinale Tagle cosa significa questo anniversario per lui e per le Filippine.

“Questo è di nuovo un mistero per noi. Da un lato, c’è la triste realtà che molti filippini preferirebbero rimanere a casa”, ha sottolineato, ammettendo però che “nelle Filippine, e immagino molti migranti forzati, molti rifugiati, preferirebbero rimanere a casa”.

Ricordando che “Papa Benedetto ha suggerito ‘abbiamo il diritto di rimanere nel nostro paese d’origine'”, ha evidenziato però che “quando c’è così tanta povertà e ingiustizia, il modo migliore per te di prenderti cura della tua famiglia e della tua vita, è scappare. Lo dico con un po’ di tristezza: molti filippini che preferirebbero rimanere a casa sono costretti, a causa della povertà, a trovare lavoro altrove”.

“Se vi meravigliate dei 10 milioni di filippini, fuori dal nostro paese”, ha detto, “dovreste guardare gli sfollati interni, quelli che si spostano da un’isola all’altra”.

La migrazione può essere un movimento missionario

“Quello che è iniziato come una sorta di migrazione forzata, in questi ultimi 40 o 50 anni, ora nelle mani di Dio”, ha riflettuto, “è diventato un movimento missionario, un movimento evangelizzatore”.

In molte parti d’Europa e in molte parti del Medio Oriente, e anche in Asia, ha riconosciuto, “sono i migranti filippini, i lavoratori filippini d’oltremare, che riempiono le chiese” e portano le loro devozioni.

“Non so come spiegarlo, ha ammesso, ma mi rallegro di questo, che la migrazione può essere un movimento missionario”.

Il migrante respinto potrebbe essere il nonno del futuro cardinale

Notando che abbiamo visto questo anche tra gli irlandesi, gli italiani e altre nazioni, Tagle ha riflettuto: “ecco perché mio nonno, dalla Cina, è venuto nelle Filippine. Era un convertito al cattolicesimo”.

“Probabilmente non avrebbe mai immaginato che uno dei suoi nipoti sarebbe diventato un prete. Così quando la gente ha paura dei migranti, io guardo mio nonno e dico: ‘Wow, il migrante che respingete potrebbe essere il nonno di un futuro cardinale'”.



Deborah Castellano Lubov is Editorial Director & Senior Vatican & Rome Correspondent for EXAUDI (& Prior, for ZENIT); Author of 'The Other Francis' ('L'Altro Francesco') featuring interviews with those closest to the Pope and preface by Vatican Secretary of State Cardinal Parolin (currently published in 5 languages); Deborah is also NBC & MSNBC Vatican Analyst. She often covers the Pope's travels abroad, often from the Papal Flight (including for historic trips such as to Abu Dhabi and Japan & Thailand), and has also asked him questions on the return-flight press conference on behalf of the English-speaking press present. Lubov has done much TV & radio commentary, including for NBC, Sky, EWTN, BBC, Vatican Radio, AP, Reuters and more. She also has contributed to various books on the Pope and has written for various Catholic publications. For 'The Other Francis': http://www.gracewing.co.uk/page219.html or https://www.amazon.com/Other-Francis-Everything-They-about/dp/0852449348/
Previous articleMorire di speranza, una veglia per i profughi
Next article“Sulla Croce Gesù ha pregato per me”

No posts to display