Il Tempo del Creato dalla terra di San Francesco

Iniziativa vissuta nella comunità Laudato Si' di Assisi

Il Tempo del Creato dalla terra di San Francesco
Basilica di San Francesco d'Assisi © Vatican Media
Reading Time: 2 minutes

Come si vive il Tempo del Creato della Creazione nella terra di San Francesco? Il Tempo del Creato è un’iniziativa nella quale, durante il mese di settembre, migliaia di cristiani di tutti i continenti si riuniscono in un momento di ristabilimento e  speranza. Le comunità di tutto il mondo lo celebrano contemporaneamente, guidate dal motto “Una casa per tutti? Rinnovare l’Oikos di Dio”, e con la proposta di costruire una “tenda di Abramo” nella comunità.

Ma c’è un luogo nel mondo nel quale la festa è molto più grande. Guidata dal suo patrono, San Francesco d’Assisi, in questo piccolo paese d’Italia, la comunità Laudato Si’ è in azione  e cerca di guidare i suoi vicini verso una conversione ecologica.

Una tenda di Abramo è stata allestita sul prato della Basilica di San Francisco, dal 1° settembre, e durante questo mese girerà in luoghi diversi, con l’obiettivo di portare il messaggio in ogni angolo.


La prima tappa del tradizionale pellegrinaggio a piedi del “Cammino di Francesco”, tra Assisi, Valfabbrica e Gubbio, è stato il prato della basilica in cui è stata collocata la tenda e lì ci si è riuniti a riflettere su questo particolare momento ecumenico.

Antonio Caschetto, coordinatore dei programmi italiani del Movimento Laudato Si’, ha guidato la riflessione, che si è conclusa con il segno dell’Amen. “Amen”, termine che deriva dall’aramaico e indica il picchetto delle tende dei nomadi del deserto; nella tenda indica la nostra scelta consapevole, il nostro “eccomi” alla chiamata a prenderci cura della nostra casa comune.

Inoltre, lo spazio è stato utilizzato anche per raccogliere le firme per la petizione “Pianeta Sano, Persone Sane”, proposta che invita i cattolici ad accompagnare Papa Francesco a Glasgow, in occasione della 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP26), che si svolgerà nel mese di novembre.

L’ Ufficio di Pastorale Giovanile della diocesi ha organizzato una serie di attività affinché i giovani abbiano soprattutto momenti di preghiera e di riflessione sull’ecologia integrale. L’adorazione eucaristica è stata un’attività centrale, in quanto si  conside la presenza di Gesù una chiave per guidare tale conversione.

La tenda sarà collocata nel cortile di San Francesco dal 17 al 25 settembre, accompagnerà il “Cammino di Francesco” e sarà animata dai vari gruppi della diocesi di Assisi, dalle famiglie francescane, dal Circolo Laudato Si’ di Assisi e da tutti coloro che, con i propri talenti, vorranno mettersi a disposizione per educare e riflettere sul tema della nostra casa comune.

Infine, il 25 settembre, verrà portata a piedi al santuario della Madonna dei Tre Fossi, dove in serata si terrà una veglia sotto le stelle con i gruppi Agesci, alla vigilia della preghiera ecumenica diocesana, anch’essa in programma alla Madonna dei Tre Fossi domenica 26 settembre, Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.

Questa preghiera vedrà la partecipazione delle realtà ecumeniche della diocesi (anglicana, copta, ortodossa), nonché  la partecipazione dei rifugiati accolti dai corridoi umanitari nel territorio diocesano.

No posts to display