Teologia per i Millennials: abusi sessuali in Francia

Un numero enorme di casi dal 1950

Teologia per i Millennials: abusi sessuali in Francia
La presentazione del rapporto Ciase
Reading Time: 3 minutes

Oggi, su “Teologia per i Millennials”, il sacerdote messicano Mario Arroyo Martínez condivide con i lettori di Exaudi il suo articolo settimanale intitolato Abusi sessuali in Francia in cui riflette sull’enorme numero di casi verificatisi nel paese dal 1950 emersi dal rapporto della Commissione indipendente incaricata (Ciase) dalla Conferenza episcopale francese.

Notizia devastante

La notizia è stata devastante: in un periodo di 70 anni, tra il 1950 e il 2020, in Francia si sono verificati 216mila casi di abusi sessuali su minori. Il numero degli aggressori è stimato tra i 2.900 e i 3.200 religiosi, secondo quanto rivela il rapporto diretto da Jean-Marc Sauvé.

La reazione di Papa Francesco non ha tardato ad arrivare quando ha appreso questi dati abominevoli. Il Pontefice ha espresso “tristezza e dolore” per le vittime, insieme a “vergogna” per la lentezza della Chiesa nel reagire. “Questo è il momento della vergogna”, ha detto, anche se ha espresso la sua vicinanza al clero francese, riconoscendo che stava attraversando “una prova dura ma sana”.


I dati in sé sono spaventosi e ingiustificabili, deplorevoli in qualunque modo si vogliano vedere. Tuttavia, credo che la vicenda richieda una riflessione più profonda, proprio per poter andare alle cause del problema, condizione indispensabile per superarlo. Si vuole fornire un’informazione non con lo scopo di addurre una giustificazione, ma piuttosto per tratteggiare un contesto, ricordando che durante lo stesso periodo di tempo circa 5,5 milioni di bambini e adolescenti francesi hanno subito abusi sessuali.

Un contesto drammatico

Ciò consente di contestualizzare i drammatici eventi e non solo di avere la falsa consolazione che gli abusi sessuali da parte della Chiesa rappresentino meno del 5%, mentre si calcola che gli aggressori, provenienti dall’ambiente familiare o sociale, rappresentino circa l’80% dei casi. Non si tratta, infatti, di cercare paragoni che in qualche modo scagionino l’orribile senso di colpa della Chiesa, ma di approfondire il significato di numeri così alti.

In altre parole, si tratta di riconoscere, insieme alla colpa della Chiesa, che non è solo un problema ecclesiale, ma sociale ampiamente diffuso. Un’altra cosa è cercare di coprire il sole con un dito o cercare di utilizzare le statistiche esclusivamente per denigrare un’istituzione e non per risolvere il problema. 216mila sono tanti; 5,5 milioni anche. Soprattutto questi dati indicano che non è un problema esclusivo della Chiesa, ma della società in generale, di cui la Chiesa è solo un riflesso.

Fenomeno diffuso

Cosa significa questo? Semplicemente che le persone che fanno parte dello stato clericale all’interno della Chiesa non sono migliori dei comuni mortali, ma sono come gli altri. Le ferite sociali ci colpiscono allo stesso modo e questo si riflette nell’alto numero di abusi sessuali. Ma è la società che è ferita, non solo la Chiesa. La Chiesa riconosce con vergogna la sua parte di colpa, si addolora per le vittime, prende provvedimenti per sradicare definitivamente questo male nelle sue file e compie una dolorosa ma necessaria purificazione della memoria, consistente nel riconoscimento della colpa e della responsabilità. La società fa qualcosa?

Oltre a scandalizzarsi, la società fa qualcosa? Indaga sulle cause di tutto questo? Infine, la pedofilia è accettata dai principali rappresentanti del movimento di rivoluzione sessuale, come Wilhelm Reich, Alfred Kinsey o Shulamith Firestone. La società ha in gran parte seguito i dettami di una tale rivoluzione, tutti i “tabù sessuali” sono stati eliminati e ci sono anche movimenti che sostengono la legittimazione della pedofilia.

Una società ipocrita

Nella stessa Francia, l’età per il consenso sessuale è di 15 anni (prima era 13); se c’è il consenso, non è una violazione per un adulto fare sesso con una ragazza adolescente, almeno secondo la legge francese. Che ora, con un tocco di fariseismo, si scandalizza per i dati forniti dalla Chiesa.

Vale a dire, non possiamo essere così miopi da non renderci conto che le nostre abitudini sessuali e la dissolutezza che esiste in questa materia inducono o provocano questo tipo di crimine. Abbiamo banalizzato la sessualità a tal punto che i membri più deboli della società cadono lungo il pendio della pedofilia.

Non è che io voglia “vittimizzare” i carnefici, ma nemmeno chiudere gli occhi sul fatto che sono malati sessualmente. Un sesso che viene promosso, attivamente e passivamente, in modo onnipresente nella società, poi non può mancare di generare predatori sessuali. Dobbiamo riconoscere, almeno, che siamo incoerenti su questo punto. La Chiesa sta già facendo la sua parte, la pubblicazione di questa dolorosa relazione ne è un esempio. Spetta alla società e alla cultura fare a loro volta la loro parte.




Licenciado en Filosofía por la Universidad Panamericana, México 1996, ostenta el bachiller en Teología por la Pontificia Universidad de la Santa Cruz, Roma 1999. Doctor en Filosofía por la Pontificia Universidad de la Santa Cruz, Roma 2002. Ordenado sacerdote en Torreciudad, España, en 2002. Autor de: Poder, Dinero y Santidad, Lima 2012; Ciencia y Fe. Un equilibrio posible, UCSS, Lima 2015; Ciencia y Fe. Situación actual, Facultad de Teología Pontificia y Civil de Lima, Lima 2016; La Iglesia y los Homosexuales. Un falso conflicto, Facultad de Teología Pontificia y Civil de Lima, Lima 2017. Coautor de Dios Busca al Hombre, CDSCO, Lima 2013; Neurona mata espíritu, Amazon, Lima 2018; Teología para Millennials, Amazon, Lima 2018. El padre Mario es columnista de los portales peruanos Crónica Viva, La abeja y Lucidez, así como de los periódicos mexicanos Mural, Expreso, del portal mexicano Vox Fides y de ZENIT. Capellán de la Universidad de Piura, Campus de Lima durante los cursos 2017 y 2018. Actualmente, profesor de Teología en la Universidad Panamericana, Ciudad de México.
Previous articlePapa Luciani sarà proclamato beato
Next articleTre seminaristi rapiti in Nigeria

No posts to display