Papa Francesco, “potente segno dei tempi”

Intervista a Susana Nuin, coordinatrice generale del Centro di Formazione e Studi del CELAM

Francesco
Susana Nuin

Papa Francesco «rappresenta per me un segno potente dei tempi guidato da un forte vento dello Spirito che conduce a realtà sempre antiche e sempre nuove, come sono le realtà della Chiesa», afferma Susana Nuin, coordinatrice generale del CEBITEPAL: Centro per Formazione e studi del Consiglio Episcopale Latinoamericano (CELAM).

Nuin ha parlato con Exaudi dell’attuale Pontefice, che ha conosciuto nel 2007 alla V Conferenza generale di Aparecida, la Conferenza generale dell’Episcopato dell’America Latina e dei Caraibi, in cui l’allora cardinale Bergoglio ebbe un ruolo di primo piano. L’attuale Santo Padre ha presieduto la commissione per la stesura finale del cosiddetto Documento di Aparecida. Questo testo è la chiave di lettura del ministero del Successore di Pietro e per la Chiesa in questa grande regione.

La coordinatrice generale del CEBITEPAL parla anche, ovviamente, di questo centro di formazione e della sua eccellente offerta educativa e formativa e del suo lavoro all’interno di questo organismo ecclesiale. Ma anche del ruolo dei laici e delle donne nella Chiesa, della situazione attuale delle donne e della recente Assemblea della Chiesa dell’America Latina e dei Caraibi.

***

Exaudi: Ha incontrato Papa Francesco ad Aparecida, quando era ancora il cardinale Jorge Mario Bergoglio, ci racconti come è stato il suo incontro con lui e cosa ha significato e significa per lei l’attuale Pontefice…

Susana Nuin: Ho avuto il piacere, l’onore di incontrare Papa Francesco, il cardinale Jorge Bergoglio ad Aparecida. In realtà, il mio incontro con lui è stato intenso, di lavoro, di comprensione nel senso di essere nella stessa linea cooperando per un lavoro così ampio e significativo di un’assemblea come la V conferenza dell’episcopato latinoamericano e caraibico.

Ho molto chiaro che il cardinale Bergoglio ha lavorato in modo enorme per riuscire ad armonizzare tutte le proposte di Aparecida in un testo carico di significato. Era un “testo nel contesto” perché è stata un’esperienza vissuta in modo molto armonioso dove regnava l’unità nella diversità e non mancarono le diversità. Proprio per questo si sono rafforzati l’armonia e il legame tra tutti.

L’attuale Pontefice rappresenta per me un segno potente dei tempi guidato da un forte vento dello Spirito che conduce a realtà sempre antiche e sempre nuove, come sono le realtà della Chiesa. Cosa intendo con questo? Che il Papa si è dedicato a fare in modo che venga messo in pratica con decisione questo fantastico documento che a sua volta viene e proviene da quello straordinario evento epocale che è stato il Vaticano II.

Credo che Bergoglio porti con sé tre aspetti fondamentali da evidenziare: l’applicazione del Vaticano II, un’attuazione che anche se ha i decenni che ha, non significa che nel tempo non possa svilupparsi e incarnarsi sempre di più. Allo stesso tempo, essendo un Papa gesuita, porta tutto il bagaglio di discernimento che è qualcosa che esisteva nella Chiesa primitiva ma che è stato successivamente ricoperto da altri elementi e Papa Bergoglio lo riporta sulla tavola della Chiesa. Infine, uno sguardo particolare alle periferie, ai volti dimenticati, a tutti i fratelli che soffrono nel mondo e, ovviamente, al creato.

Papa Bergoglio è una pagina della storia della Chiesa che non immaginavo che avrei potuto leggere e mi stupisce.

Exaudi: Come laica che occupa una posizione direttiva in un organismo ecclesiale, lei è un esempio dell’importanza che il Santo Padre intende dare ai laici e alle donne all’interno della Chiesa. Che ne pensa di questi cambiamenti inclusivi? Quali benefici pensa che porterà alla Chiesa una maggiore presenza dei laici in generale e delle donne in particolare?

Susana Nuin: La Chiesa senza laici e senza donne non è popolo di Dio. Il Vaticano II, e la Chiesa primitiva, la Chiesa che accompagnava Gesù, avevano questo profondo anelito per quella che poteva essere la presenza, l’inclusione e la dimensione del popolo di Dio a cui tutti partecipavano. In questo quadro, la presenza dei laici è fondamentale perché sono loro che interagiscono nella cultura, nella dimensione sociale, politica, economica… e non è solo dove agiscono, ma la vocazione stessa che portano. È un magnifico ministero di realizzazione nella società.

Allo stesso modo, penso sia impossibile pensare a una Chiesa senza donne. Credo che si debba sempre rimettere a fuoco la dimensione trinitaria del rapporto maschio-femmina per comprendere che in quel rapporto, al di là del matrimonio, della coppia, in ogni rapporto maschio-femmina, si stabilisce quell’unica immagine trinitaria di Dio. Sono dimensioni che non possono mancare. Si sta facendo un processo che è lento e che deve essere, se possibile, più veloce.

Exaudi: Come sociologa ha studiato la condizione attuale della donna; quali pensa che siano le principali sfide sociali da affrontare? Che atteggiamento mostra la Chiesa nei loro confronti?

Susana Nuin: La donna, senza dubbio, ha conquistato spazi, diritti, protagonismo. La donna offre uno sguardo singolare, che non è quello dell’uomo. E’ fondamentale per la concretizzazione di ogni convivenza armoniosa nella vita in generale e a tutti i livelli. Le sfide che devono essere affrontate sono tante perché forse mai come oggi si registrano femminicidi o mai come ora sono conosciuti grazie alla comunicazione, ai media, alla rete. In ogni caso, bisogna chiedersi se i femminicidi, se la violazione dei diritti delle donne, non siano legati a una certa dislocazione che si verifica negli uomini dopo aver perso quell’egemonia che caratterizzava la cultura di qualche decennio fa.

In questo quadro bisogna stare molto attenti perché ci sono femminicidi nascosti o che non si percepiscono nemmeno. Ad esempio, una donna incinta, come accade nella nostra America Latina, deve raccogliere il caffè su una montagna in forte pendenza e piena di precipizi con un’enorme probabilità di sacrificare la sua vita e quella del suo bambino. Questo è solo un dato. Ci sono molti di questi femminicidi e non li percepiamo, non ne percepiamo i pericoli, e non ci rendiamo conto che sono gravi come quelli che si verificano con un’ascia o con un coltello o con una pistola. Le sfide sono tante. E questa è una ricerca che indica che dobbiamo andare oltre per comprendere cosa sta realmente accadendo alle donne nella società.

Exaudi: Per le persone che non la conoscono, può spiegare perché esiste il CEBITEPAL e il suo ruolo all’interno della Chiesa in America Latina e nei Caraibi? In qualità di coordinatrice generale, quali sono le sue funzioni?

Susana Nuin: Il mio ruolo è di coordinatrice generale del CEBITEPAL: Centro di Formazione e Studi del CELAM (Consiglio Episcopale Latinoamericano). Si compone della dimensione teologica e biblica del magistero pastorale ed ecologico-sociale. Tutte queste dimensioni si trovano negli studi forniti dal CEBITEPAL, che è per tutta l’America Latina e i Caraibi. Ha più di 45 anni e ha sempre avuto un input, ha lasciato un segno sulla formazione pastorale. Per questo è così riconosciuto dalle Conferenze episcopali e dai centri di studio: il primato nella pastorale.

Il CEBITEPAL ha diverse dimensioni, risponde ed è al servizio delle Conferenze episcopali, delle università del continente, dei centri di studio, delle diocesi, delle regioni, delle Chiese particolari e, inoltre, offre un’esperienza unica di “interculturalità” nel continente. Ad ogni corso, diploma o percorso formativo partecipano persone provenienti dai 22 paesi dell’America Latina e dei Caraibi, il che è anche molto emozionante. È un’esperienza intervocazionale, interecclesiale e, soprattutto, interculturale.

Exaudi: Ci spieghi le prospettive e gli obiettivi più immediati del CEBITEPAL. Chi può beneficiare di questo eccellente centro di formazione ecclesiale?

Susana Nuin: Penso che dal CEBITEPAL tutti possano davvero trarre vantaggio: tutti possono formarsi. Abbiamo corsi, ad esempio, per migranti negli Stati Uniti, migranti in Europa. Vogliamo assistere quei latinoamericani che sono in giro per il mondo e ci stiamo riuscendo. Il fondamento del CEBITEPAL risiede nel fatto di essere un organo del cuore del CELAM, insieme agli altri tre Dipartimenti, in collaborazione con il Centro di Azione e Reti Pastorali, con il Centro per la Gestione della Conoscenza e con il Centro per la Comunicazione. Da lì si proiettano le sue azioni, che sono per la formazione di tutto il popolo di Dio.

Exaudi: Ha partecipato alla recente Assemblea Ecclesiale dell’America Latina e dei Caraibi, ci racconti qual è stata la sua esperienza personale e cosa significa questo evento per la Chiesa regionale e universale.

Susana Nuin: Ho avuto l’onore, la grazia di Dio di poter partecipare alla I Assemblea Ecclesiale del Continente, che evidentemente marca un segno importante che è quello di un popolo di Dio che percorre un cammino sinodale insieme in comunione, partecipazione e verso la missione. In questo senso, l’Assemblea è stata una grande conquista prima di tutto per essere parte di un processo. Non è stato un evento chiuso e autoreferenziale che raccoglie ascolto, il discernimento è tornato a sviscerare quegli elementi nell’Assemblea, e ha prodotto 41 sfide che in seguito sono state riassunte in 12. La cosa più interessante e notevole è che si è svolta in un quadro molto aperto. Una piccola rappresentanza di 150 persone in Messico e altre 750 su Zoom.

L’impegno delle persone che hanno partecipato digitalmente è stato enorme. Ci muoviamo nelle vene dell’America Latina, come diceva l’autore Galeano. Più che vene aperte sono arterie di fraternità, di possibilità verso la socialità e soprattutto arterie di comunione e nella via del sinodo. Questa I Assemblea è già una grandissima testimonianza, il processo di come l’America Latina si prepara al Sinodo. Considero questo evento molto molto importante. È rilevante notare che le polarizzazioni esistenti nella nostra società sono state percepite, ricevute, verificate e trasformate in possibilità. Non è che siamo fuori cultura o fuori tempo. In questo senso, possiamo dire che l’Assemblea è stata una convivenza e convergenza dei diversi, di diversi punti di vista, concezioni, modi di agire, capaci di convergere e questa è una ricchezza enorme per la Chiesa.