Coraggio e gioia: i santi, testimoni e modelli

Intervista a José Maria Montiu, missionario della misericordia e postulatore

Coraggio e gioia: i santi, testimoni e modelli
José María Montiu con Papa Francesco © José María Montiu de Nuix
Reading Time: 14 minutes

Sacerdote Missionario della Misericordia, postulatore per le Cause dei Santi, dottore in Filosofia, collaboratore di Radio Mundial Catolica e voce in vari media, Don José María Montiu de Nuix, in questa intervista per Exaudi parla della sua esperienza di sacerdote missionario e risponde a domande sull’esistenza, sullo scopo e sull’attuale fascino della vita dei santi.

***

  1. Lei è stato nominato da Papa Francesco “Missionario della Misericordia”. Che cos’è un missionario della misericordia? Qual è la missione? Potrebbe condividere le sue esperienze con noi?

La nomina dei missionari della misericordia è riservata al Papa. Papa Francesco ha affermato che i missionari della misericordia sono un segno della sollecitudine materna della Chiesa per il Popolo di Dio, affinché entrino profondamente nella ricchezza del mistero della misericordia, così fondamentale per la fede.

Per i peccati riservati alla Santa Sede si intendono quei peccati che la Santa Sede si è riservata di perdonare. I missionari della misericordia sono sacerdoti nominati dal Papa con la missione e l’autorità di perdonare molti dei peccati riservati alla Santa Sede.

La missione dei missionari della misericordia è di mettersi soprattutto al servizio della misericordia. Dobbiamo predicare il messaggio della misericordia e, soprattutto, dobbiamo essere molto disponibili per amministrare il sacramento della misericordia, che è il sacramento della confessione, e, inoltre, dobbiamo amministrarlo con misericordia. Questo, fatto in modo tale da facilitare il contatto dei fedeli con la misericordia di Dio.

Proprio l’anno scorso ho raccolto tutto questo in un libro dal titolo Esperienze e memorie di un missionario di misericordia, pubblicato dalla prestigiosa Editoriale Balmes. Prendo da questo libro alcune esperienze e ricordi.

Ricordo con particolare piacere di aver visto Papa Francesco confessare e confessarsi. Così come tante persone che si confessano nella Basilica Vaticana di San Pietro. Nel 2016, al primo incontro mondiale di Papa Francesco con i missionari della misericordia, molti missionari della misericordia hanno potuto salutarlo personalmente. Alcuni hanno avuto un dialogo più o meno ampio con lui. In mezzo a quel via vai filiale, in cui abbiamo espresso il nostro affetto al Papa, mi ha riempito di grande gioia potergli dare un bacio, un bacio buono, sulla mano. È stato impressionante vedere un Papa così vicino, così semplice, così buono, così paterno. Avevamo qualcuno di fronte a noi che spiritualmente potevamo qualificarci come “papà”. Così il Santo Padre ha dedicato molto tempo a salutare personalmente i missionari della misericordia che erano lì riuniti. Bella immagine di comunione ecclesiale!

Durante l’anno giubilare, dato che nel sacramento della confessione l’amore di Dio si riversa nelle nostre anime, in un modo del tutto particolare, ho paragonato il ricevere il sacramento a un bacio di Gesù. Dopo, ho saputo che c’era stato chi si era avvicinato al confessionale, come a un bel fiore, profondamente commosso, decidendo che si sarebbe confessato per ricevere il bacio del buon Gesù.

Nel 2018, al secondo incontro mondiale del Papa con i missionari della misericordia, ho avuto anche la gioia di salutare personalmente il Papa e baciargli la mano. Ci sono gesti che dicono più di mille parole. Anzi: il Papa, dopo averci accolti in gruppo, ha voluto salutare personalmente, uno ad uno, i quasi seicento missionari della misericordia lì presenti! Questo ha dato all’incontro un tono molto personale, veramente affettuoso, familiare e sincero. Come Cristo, nell’Ultima Cena, essendo il Signore, ha lavato i piedi ai suoi discepoli, così il Papa, il Vicario di Cristo, colui che funge da Cristo in terra, ha iniziato a servirci, accogliendoci uno ad uno , salutandoci uno per uno. È una misericordia del Papa, un affetto del suo cuore paterno, una prelibatezza, un palpito, una cordialità, una gentilezza, una vicinanza, che ci conforta e incoraggia, e lascia il nostro cuore ancora più unito al suo. Papa Francesco è un Papa che ama e che si fa amare. Inoltre, la sfida è servita. Questi sono anche i sacerdoti, che nel sacramento della misericordia agiscono “in persona Christi“, per cui dobbiamo mettere più cuore, affetto, cordialità, verso il penitente. Il cuore del sacerdote è il cuore di Cristo.

Insomma, è stata una grande gioia essere stato uno strumento dell’abbraccio che Dio dona a chi si confessa, un sacramento di pace e di gioia. Ricordo un parrocchiano che mi disse che non aveva mai visto nessuno più felice di qualcuno che conosceva dopo essersi confessato. Grazie a Dio!

  1. Giovani testimoni di Cristo è un libro che mostra esempi di vita e di fede di alcuni bambini, adolescenti e giovani del nostro tempo. Puoi raccontarci come è nato questo bellissimo progetto e delle virtù più straordinarie di queste vite piene di eroismo …

Quelli di noi che si occupano delle cause dei santi nelle diocesi spagnole, in particolare lo scrittore e sacerdote Félix Uribe, erano a un incontro nazionale, tenutosi nella sede della Conferenza Episcopale Spagnola. Eravamo anche alle porte della suggestiva XXVI Giornata Mondiale della Gioventù (GMG), a Madrid, che vedrà la presenza di Papa Benedetto XVI. Quindi, naturalmente, non su iniziativa dei Vescovi, ma solo in privato, come amici e conoscenti, abbiamo pensato che sarebbe stato molto bello per i giovani avere esempi di quelle giovani vite edificanti che conosciamo bene e che sono particolarmente esemplari. Potrebbero aiutarti a difendere la vita dal momento del concepimento, ad amare la santa purezza, ad essere giovani tutti d’un pezzo, ad avere un grande ideale d’amore, a scoprire nuovi e bellissimi orizzonti, ecc. Alcune di queste vite interessanti erano ancora molto poco conosciute dal grande pubblico. Nasce così il libro, composto da 17 vite esemplari, scritto da 14 esperti, coordinati dal fondatore e direttore di Edibesa, e da un noto scrittore di vite di santi, il domenicano Rev. Padre José Antonio Martínez Puche, e da me come collaboratore. Un elemento chiave di questo lavoro è stato avere così tanti autori ben formati.

Una docente dell’Università Urbaniana di Roma, la missionaria Maruja Serrano, ha presentato la grande generosità di una meravigliosa giovane donna italiana, Santa Gianna Beretta, che durante la gravidanza ha dovuto scegliere tra la propria vita e quella della figlia non ancora nata. La sua decisione era ferma: salvare la bambina. Questa pediatra gentile, sorridente e premurosa, che ha sempre avuto parole gentili per i suoi pazienti, era una madre generosa di una famiglia numerosa che moriva sussurrando continuamente: «Gesù, ti amo. Gesù ti amo». Fantastico!

La giovane focolare argentina Cecília Perrín è stata testimone di vita e d’amore. Durante la gravidanza ha scoperto una malattia. Ha rifiutato un aborto terapeutico, anche se ciò ha comportato un serio rischio per la sua vita. Tra la bambina non ancora nata e le cure che la sua malattia richiedeva, ha sempre dato la preferenza alla bimba che così è nata. Successivamente la malattia ha portato la madre alla morte. È affascinante e incoraggiante, poesia in azione, vedere come Cecilia, che ha tanto sofferto durante la sua malattia, l’ha portata con gioia, grazie al fatto che amava moltissimo Gesù.

La giovane italiana, Chiara Badano, prima beata del Movimento dei Focolari, beatificata pochi mesi prima della pubblicazione del libro, ha evidenziato come ha affrontato il cancro alle ossa che l’avrebbe portata via a soli 18 anni. Quantunque brava atleta, ha perso l’uso delle gambe, ma Gesù Cristo le ha dato le ali. Ha sofferto, sì, ma la sua anima cantava «È una luce splendida per la gioventù di oggi!»

Il focolarino italiano Alberto Michelotti era un ragazzo pio, un atleta, un giovane con tanti amici, morto in montagna, che si può definire uno scalatore delle vette dell’amore. Accanto a lui si può aggiungere il suo amico Carlo Grisolia, anch’egli servo di dio, che ha affrontato la sua malattia con il coraggio della fede, dandone testimonianza a chi gli era vicino.

L’ebrea Etty Hillesun, che sarebbe stata sacrificata nell’olocausto nel campo di sterminio di Auschwitz, aprì nel suo cuore, in quelle ore terribili, una finestra sul paradiso, trovando conforto in Dio, nella preghiera.

La spagnola Anita Solé, sorella del sant’uomo e padre clarettiano José María Solé Romà, novizia francescana, è morta a soli 18 anni. Ha vissuto l’amore di Dio con meravigliosa semplicità e profondità giovanile. «Se solo conoscessi la felicità di cui gode la mia anima! Oh, quanto è dolce dimorare nell’amorevole compagnia di Gesù! Io, José, sembra che non stia vivendo sulla terra, ma sia venuto in paradiso. Quante grazie dobbiamo rendere a Gesù per averci chiamati ad essere uno dei suoi figli intimi, godendo delle carezze dell’amore!».

La dodicenne cilena, la beata Laura Vicuña, era una poesia di purezza, sacrificio e amore filiale. Ha offerto la sua vita per la conversione di sua madre, che aveva un amante. «Mamma, sto per morire. L’ho chiesto a Gesù io stessa. Due anni fa gli ho offerto la mia vita per ottenere la grazia che tu tornassi a Lui. Mamma, se prima di morire potessi avere la gioia di sapere che sei in pace con Dio». Sua madre promise di convertirsi. E le ultime parole della ragazza furono: «Grazie Gesù! Grazie, mamma mia! Adesso muoio felice!».

Il giovane seminarista Beato Manuel Aranda di fronte al dilemma, bestemmiare o morire, è stato un martire. Ignacio Trías era un coraggioso apostolo durante la persecuzione religiosa e, anche essendo in prigione, era felice, confortato dalla sua fece cattolica, per cui  andò al martirio cantando. Molti giovani martiri di Alzira, dell’Azione Cattolica, presunti martiri, sono stati uccisi perché cattolici. Il beato Francisco Castelló non ha mai nascosto la sua fede. Cantava, andando verso il martirio. Morì gridando: «Lunga vita a Cristo re!». Ha lasciato una lettera spettacolare alla sua ragazza, che amava tanto.

Come esempio del fatto che una persona moralmente esemplare non debba essere strana, ecco queste testimonianze di alcune ragazze sul beato laico italiano Pier Giorgio Frassati. Con le giovani «ha saputo essere amico come pochi sanno esserlo: cordiale e semplice. Con noi si è comportato perfettamente. Era delicato, allegro, scherzoso, galante e semplice. Non ha mai pronunciato una parola scortese o poco rispettosa. Il suo sguardo trasparente e pulito li contemplava nella più pura bellezza e dava loro la fiducia per dialogare con lui, poiché sapevano di essere accolte e rispettate».

  1. Perché ci sono i santi? Cosa servono? La storia delle loro vite ti affascina ancora oggi?

Il santo cristiano è una brava persona, qualcuno che si è distinto per le sue virtù, che ha detto sì a Dio, che ha fatto la volontà di Dio ed è stato premiato con la felicità del cielo. È un buon imitatore di Gesù, una buona immagine di Cristo. Nell’azione santa c’è grazia e libera corrispondenza alla grazia, ma anche collaborazione. Sant’Agostino dice: «Dio, che ti ha creato, senza di te, non ti salverò senza di te».

Possono esserci santi cristiani perché Dio chiama tutti i battezzati ad essere santi. Questa è la volontà di Dio, la nostra santificazione. È il mandato universale di essere santi. E, Dio, non comanda mai l’impossibile. Cfr. Mt 5, 48, dice: “siate perfetti come è perfetto il vostro Padre celeste”. Cf. 1 Ts 4, 3, dice: “Dio non ci ha chiamati all’impurità, ma alla santità”. E, cfr. 1 Pe 1: 15-16: “come è santo chi vi ha chiamati, così anche voi siate santi nella condotta, secondo quanto dice la Scrittura: sii santo, perché io sono santo”.

 Sicuramente, infatti, ci sono i santi, perché lo Spirito Santo ci fa partecipare alla sua santità. La santità è opera della grazia.

L’aspetto principale dei santi è la loro vita di virtù, la grande gloria che danno a Dio. I santi hanno raggiunto lo scopo della loro vita. I santi servono anche come intercessori e modelli per noi. Un artista per poter scolpire una scultura, bella e perfetta, è guidato da un modello di bellezza. Allo stesso modo, il santo è un modello di perfezione, un modello attraente di vita, che spinge verso la sua imitazione, verso l’ideale di vita, cioè il buon Gesù. I santi sono i buoni modelli di comportamento.

È molto importante, e di grande aiuto spirituale, avere buoni modelli di comportamento. Quando non prendiamo per modello i santi, che sono buoni modelli, c’è una grave incognita, in quanto corriamo il rischio di prendere personaggi pubblici molto ammirati, ma poco edificanti, cattivi modelli; persone propriamente non esemplari, con il conseguente grave danno per la nostra vita.

Inoltre, tante volte comprendiamo meglio e più piacevolmente la via della verità, attraverso l’esempio esemplare dei santi, che attraverso ragionamenti astratti.

Inoltre, al numero 41 dell’esortazione apostolica Evangelii nuntiandi (1975) di Papa San Paolo VI, si dice: «L’uomo contemporaneo ascolta più con piacere chi rende testimonianza che chi insegna (…), o se ascolta chi insegna, è perché questi dà testimonianza».

L’esempio dei santi è così importante per la verità cattolica che, come ha sottolineato l’ammirato cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, in tutta l’esposizione sistematica della scienza teologica dovrebbe essere evidenziato l’aspetto agiografico, unendo così costantemente dottrina e vita santa, parola e testimonianza di vita di fede.

Insomma, abbiamo molto bisogno dei testimoni, dei santi come modelli. Dopo tutto, l’intera vita cristiana non è altro che imitare un santo, Cristo. E l’unica cosa importante in questa vita è essere santi.

Quando si guardano i santi, si capisce che continuano ad attrarre, perché fanno parte di ciò che è eternamente attraente per l’uomo. Infatti, attrae un cuore buono, puro, generoso, coraggioso, gentile, attento, allegro che vive un grande ideale d’amore. Questo cuore ha una verità, una bontà e una bellezza che attira il cuore dell’uomo, essendo per Dio, che, in fondo, è fatto per ciò che è vero, buono e bello.

Nel Medioevo, i libri delle vite dei santi erano tra le opere più lette. Questo ha fatto molto bene.

Ora non è di moda leggere le vite dei santi. Purtroppo vengono lette raramente. Potrebbe quindi sembrare che oggi i santi non siano più attraenti. Ma in realtà, oggi, a volte non vengono presi in considerazione perché scambiati per un cartone animato. Il santo è visto come una persona necessariamente strana, che profuma di cera, scapolo o sacerdote, si pensa che una donna che sia diventata suora perché non aveva corteggiatori, si suppone un essere umano che faccia penitenze inimitabili …

Invece, la realtà è che ogni persona battezzata può essere santa, senza bisogno di fare cose strane; essendo, semplicemente, i santi, il fiore e la crema dell’umanità, i più belli e incantevoli.

Ne consegue che sarà sufficiente guardare di nuovo i santi, nella loro verità, per vederli ancora una volta molto attraenti, e così un mare di bellezza si aprirà davanti agli occhi.

In breve, tutti sono attratti dalla felicità e dalle cose buone, ma le persone più felici e migliori sono i santi. Cosa c’è di più attraente della felicità, della bontà e dei santi?  

  1. Se sono vite perfette, così ammirevoli, perché non ci crediamo degni di imitarle? Perché il cielo rimane qualcosa di irraggiungibile?

Solo Dio è santo. Gesù Cristo e Maria Santissima sono i santissimi, poi ci sono San Giuseppe e San Giovanni Battista. San Pietro, pur avendo avuto la ventura di rinnegare il Signore, si pentì, si rialzò dalle sue cadute, fu santo, diede la sua vita nel martirio per amore di Nostro Signore. È quindi possibile parlare anche dei difetti dei santi. Tra i santi ci sono stati convertiti, ecc. Dei santi non è conveniente imitare le cose cattive. Le peculiarità della vita concreta di ciascuno non sono imitabili. I santi sono imitabili nella santità della loro vita.

A volte si pensa che i santi non siano imitabili perché non si nota che per essere santi non è necessario fare cose straordinarie, basta fare straordinariamente bene le cose ordinarie. Tutte le cose che si fanno per amore sono grandi cose. Per essere santi basta amare bene. Questo è qualcosa che è disponibile per tutti i battezzati. Alzandoci sempre, saremo santi.

Spesso si pensa che non si possa essere santi, come se la santità fosse qualcosa di irraggiungibile, qualcosa solo per i privilegiati. Ma la santità è realizzabile, come raggiungere il cielo. Ebbene, il santo andrà in paradiso. Le braccia dell’Altissimo servono da ascensore per il paradiso.

  1. Perché preghiamo i santi? Le preghiere di un santo realizzano ciò che io non posso?

Un motivo per pregare i santi è perché sono buoni intercessori. Nella vita umana ordinaria, è consuetudine rivolgersi a una persona molto importante, farlo tramite qualcuno che gli è molto vicino, che funge da intercessore, da presentatore, da nostro avvocato difensore, ecc. Allo stesso modo, nel soprannaturale, sappiamo che, ad esempio, rivolgersi a Dio per mezzo della Vergine Maria, nostra grande interceditrice e avvocata, è qualcosa di molto buono e molto gradito a Dio.

Chi è più vicino alla fonte del calore, partecipa di più al caldo. Anche chi è più vicino a Dio, fonte di grazie, può aiutare di più. Infatti, sebbene Dio possa dare i suoi doni come vuole, di solito trae maggior beneficio dalle anime che sono più unite a Lui. Quindi, chiediamo preghiere di persone particolarmente buone, di coloro che sono più uniti a Dio, che sono strumenti più fedeli della grazia divina. Così, ad esempio, san Josemaría Escrivá de Balaguer, fondatore dell’Opus Dei, ha un pensiero sul combattimento spirituale, che dice: «Prima non si poteva proprio; ora, con la Vergine, com’è facile!».

  1. Una curiosità su “ciò che resta dei santi”, le reliquie che tanto hanno attratto e affascinato per molti secoli. Cosa sono e perché sono importanti?

Le reliquie sono cose che sono state in contatto con i santi. Così, ad esempio, un rosario è passato sulla tomba di un santo. La reliquia di categoria speciale è l’osso di un santo.

Il senso religioso ci porta ad avvicinarci al Santo dei Santi, Gesù, al Santissimo Sacramento dell’altare, e anche ai santi, loro reliquie. L’importanza delle reliquie è ben compresa da quella che è la vita della Chiesa, dalla sua pia esperienza. Così, ad esempio, è molto illuminante che i vescovi di tutto il mondo, in occasione della visita a Roma per vedere il Papa, si rechino presso le tombe di San Pietro e San Paolo, per rafforzare la loro fede. Grande importanza hanno anche i pellegrinaggi in Terra Santa, quelli alla tomba di San Pietro a Roma e a quella dell’apostolo Santiago (Spagna), specialmente durante il Medioevo. Poiché venerare una reliquia è venerare il santo che essa rappresenta e al quale ci avvicina, l’esistenza di una reliquia è occasione dell’afflusso di pellegrini, con cui avvengono molti atti di devozione, con i conseguenti favori spirituali, e, a volte, miracoli. Cioè, si passa dalla reliquia all’interrelazione con il santo. Quindi, grazie all’esistenza della reliquia, si fa molto bene. La reliquia si è rivelata un mezzo fenomenale.

  1. Che finalità persegue un martire? Attualmente ci sono cristiani che danno la vita per la loro fede in Cristo? Potrebbe darci qualche esempio?

Oggi qualcuno che testimonia la fede è chiamato martire cristiano se viene ucciso per odio alla fede e dà la sua vita per amore, e pacificamente.

L’unico scopo del martire cristiano è amare. Per amore di Dio perde tutto. Dà tutto per amore. Non può dare di più. Non c’è amore più grande che dare la vita per gli altri. Il martire cristiano muore amando Dio e gli uomini, amando anche i propri carnefici. Cristo è il principale martire, il pastore che muore liberamente per amore delle sue pecore, l’Uomo-Dio che muore liberamente per amore degli uomini. Siamo tutti costati il ​​sangue di colui che è Dio, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita per gli altri, e che ci ha amati fino all’estremo. Il martire è un riflesso del cuore di Cristo martire.

Notiamo anche che i martiri danno al popolo di Dio un messaggio molto importante e attuale. Cioè, in mezzo alle persecuzioni di questo mondo, e in mezzo alla dittatura del relativismo, devono essere forti, devono essere persone tutte d’un pezzo, devono perdere tutto piuttosto che peccare, piuttosto che apostatare, piuttosto che tradire Cristo.

La Chiesa è una, santa, cattolica, apostolica e sempre perseguitata. In tutta la storia della Chiesa ci sono stati martiri. Ci saranno stati molti milioni di martiri, molti milioni di eroi della fede. La piccola barca della Chiesa naviga su un mare di sangue martire. Il XX secolo è stato il secolo dei martiri. San Giovanni Paolo II affermava che il programma dell’epoca era la persecuzione religiosa. Anche nel XXI secolo ci sono già molti martiri.

La giovane Serva di Dio Marta Obregón, recentemente assassinata, presunta martire della castità, potrebbe essere la prima Beata neocatecumenale. Martiri della castità furono anche la fanciulla Santa María Goretti, il giovane beato Fernando Saperas e, sicuramente, la fanciulla e Serva di Dio Josefina Vilaseca, detta la Goretti spagnola. Il clarettiano Saperas, portato dai suoi carnefici nei bordelli per farlo peccare, protestò: «Uccidetemi, ma non questo! Piuttosto morire, che peccare! Sono vergine e morirò vergine». E così è stato. La sua castità è stata vittoriosa. Tanti sono stati anche i martiri spagnoli, come i 51 beati clarettiani martiri di Barbastro, tra cui Esteban Casadevall, che la milizia Trini voleva salvare, perché lei lo voleva, innamorata di lui, visto che lo vedeva così giovane e così bello, come un artista del cinema, ma Esteban preferiva essere un religioso fedele e morire martire. Così anche tanti martiri messicani, come David Roldán e Salvador Lara, difensori della fede cattolica.

  1. Com’è il processo per dichiarare una persona santa?

 Mi riferirò ora all’attuale processo ordinario per dichiarare qualcuno santo, per canonizzarlo. È quello che viene chiamato il processo di beatificazione e canonizzazione.

Il processo di canonizzazione, la procedura per dichiarare santo qualcuno, si compone di due fasi: la fase iniziale, la fase diocesana, o informativa, e la fase finale, la fase romana, o valutativa.

Quando viene presentata la causa di qualcuno, comincia a chiamarsi Servo di Dio. La fase diocesana si svolge sotto l’autorità del Vescovo diocesano ed è gestita dal postulatore. Questa fase consiste nel raccogliere tutte le informazioni sul Servo di Dio, relative alle prospettive del diritto canonico, della teologia e della storia. Il tribunale ecclesiastico, composto da un delegato episcopale, promotore di giustizia, e un notaio – già noto come giudice, pubblico ministero e notaio – raccoglie le dichiarazioni dei testimoni sul Servo di Dio. La Commissione Storica, composta da storici e archivisti, raccoglie le informazioni documentarie. In questa fase si tiene conto della biografia documentata, della fama della santità, della fama dei segni, ecc.

Nella fase romana, le informazioni fornite dalla diocesi vengono esaminate e valutate criticamente. La Congregazione delle Cause dei Santi concede il decreto di validità, se la diocesi ha svolto correttamente le indagini. La Positio, esposizione della causa, è preparata sotto la guida della Congregazione delle Cause dei Santi. La Positio viene valutata nel Congresso dei Consulenti Teologici. Poi si studia nel Congresso dei Cardinali e dei Vescovi. Infine, spetta al Papa decidere se procedere o meno alla beatificazione. Per la canonizzazione sono richieste valutazioni anche presso la Congregazione delle Cause dei Santi. È sempre il Papa che decide se procedere alla canonizzazione. Si cerca sempre che, se un Servo di Dio viene beatificato o canonizzato, sia capace, con la sua vita, di trasmettere un messaggio importante al Popolo di Dio.

I processi di beatificazione e canonizzazione possono essere realizzati in due modi: in virtù della virtù e mediante il martirio. Per beatificare un martire basta provare il suo martirio. Per canonizzarlo bisogna anche provare che dopo la beatificazione abbia compiuto un miracolo. Nel processo attraverso le virtù, solo colui che ha vissuto tutte le virtù in un grado eroico, è dichiarato venerabile. Per essere beatificato è anche necessario dimostrare di aver compiuto un miracolo. Per la canonizzazione bisogna anche provare un miracolo dopo la sua beatificazione. Bisogna ricordare che i miracoli che il Servo di Dio avrebbe potuto compiere mentre era ancora in vita non vengono mai conteggiati. Normalmente, al beato può essere dato un culto ufficiale limitato a determinati luoghi, mentre ai canonizzati può essere dato un culto ufficiale universale.

Si noti che lo scopo di un processo di beatificazione e canonizzazione non è né la beatificazione né la canonizzazione, ma piuttosto trovare la verità e provarla, per questo motivo grande peso viene dato alle obiezioni contro la santità del Servo di Dio. Sebbene il Servo di Dio possa essere un santo, se la sua santità non è chiaramente dimostrata, è impossibile dargli un riconoscimento ufficiale.

No posts to display