Avete un santo “da comodino”?

Forse ne hai uno che ha un ruolo speciale nella tua vita

Santo da comodino

Hai un santo “da comodino”?

Questa domanda è sorta di recente quando mia moglie è tornata a casa da una visita a un amico e ha detto che avevano discusso dei loro santi “da comodino”. Come convertito al cattolicesimo e sposato con una cattolica, questa è stata un’altra occasione in cui ho dovuto porre alla mia saggia moglie una domanda sulla fede: “Cos’è un santo da comodino”?

Mia moglie mi ha spiegato che un santo “da comodino” è un santo a cui spesso viene chiesto aiuto o che viene consultato, o a cui viene chiesto come farebbe qualcosa. Può essere un santo per cui hai un affetto, un rispetto o una devozione speciali. Potrebbe essere un santo preferito o forse un santo legato alla tua situazione di vita. Ad esempio, le madri possono avere un affetto speciale per Maria; i genitori possono tenere Giuseppe in grande considerazione.

Prima di approfondire la risposta a questa domanda, può essere utile pensare a ciò che definisce un santo. Molte persone hanno l’idea che un santo sia una persona perfetta, senza peccato, che non ha mai sbagliato ed è un esempio di tutto ciò che è buono e nobile.

Non proprio. Alla luce del fatto che la Chiesa cattolica riconosce più di 10.000 santi e che solo quattro persone che hanno camminato sulla terra sono nate senza peccato (Adamo, Eva, Maria, Gesù) lo standard per la santità deve essere inferiore alla perfezione assoluta. Con un livello alto come quello della perfezione, nessuno di noi avrebbe la possibilità di raggiungere il Paradiso. E senza la grazia di Dio, nessuno ne ha possibilità.

In conclusione: i santi sono persone comuni che trovano la fede e la determinazione per seguire la volontà di Dio. Alcuni diventano persone “buone” dopo aver trascorso gran parte della loro vita come persone “cattive”: Paolo, Agostino e Ignazio, per esempio.

La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) afferma quanto segue sulla devozione ai santi:

“Molte pratiche devozionali popolari implicano la venerazione dei santi. I santi occupano un posto speciale nel Corpo di Cristo, che include sia i vivi che i morti. Attraverso Cristo, noi sulla terra rimaniamo in comunione sia con i santi in cielo che con i morti che sono ancora nel Purgatorio. Possiamo pregare per quelli del Purgatorio e chiedere ai santi di pregare per noi.

S. Antonio © Cathopic

Con le loro preghiere di intercessione, i santi del cielo svolgono un ruolo integrale nella vita della Chiesa sulla terra. Perché dopo essere stati accolti nella sua casa celeste ed essere stati presenti davanti al Signore, per mezzo di Lui e con Lui e in Lui, non cessano di intercedere presso il Padre per noi, mostrando i meriti acquisiti sulla terra per mezzo dell’unico Mediatore tra Dio e gli uomini. I santi, i membri della Chiesa che hanno raggiunto l’unione perfetta con Cristo, uniscono la loro volontà a quella di Dio pregando per coloro che nella Chiesa sono ancora nel loro pellegrinaggio di fede”.

Alla luce di tutto ciò, ammetto che Sant’Antonio è senza dubbio il mio santo da comodino. Si occupa di cause perse (e ho dovuto affrontarne parecchie sul posto di lavoro) e oggetti smarriti. Almeno un paio di volte alla settimana mi dimentico dove ho messo qualcosa, quindi chiedo a Sant’ Antonio dove si trova e il più delle volte riesce a farmela ritrovare.

San Giuseppe © Cathopic.Angie Menes ن

Ho anche un santo preferito: Giuseppe. Come padre e nonno, ho bisogno del suo esempio di servizio disinteressato e dimentico di aver bisogno di riconoscimenti per aver svolto il mio lavoro di genitore.

Ho chiesto ad alcuni dei miei colleghi di Exaudi quali fossero i loro santi preferiti e ho ottenuto risposte interessanti.

“Il mio santo preferito è stato una combinazione di San Giuda e Santa Rita. Suppongo di averli considerati particolarmente eroici per una serie di “casi impossibili” e cause perse. Mi hanno aiutato nei momenti che sembravano più disperati” racconta Deborah Castellano Lubov, Direttore Editoriale e Corrispondente Principale per il Vaticano e Roma. “Inoltre, il nome di mia madre è Judy e la sua scuola elementare cattolica era quella di Santa Rita. Anche San Giuseppe occupa un posto speciale nel mio cuore e nel nostro, e ha avuto un posto importante, specialmente in quello di mio nonno Nicolás. Era umile, gentile, dietro le quinte, ma allo stesso tempo così potente, forte ed efficiente; ha scaldato i nostri cuori. Inoltre, quando si tratta della famiglia, della nostra casa, del lavoro, ecc., ci mostra quanto un datore di lavoro sia stato ed è veramente potente e leale”.

“I miei santi preferiti sono i mistici ‘gli eroi dell’umanità’, nelle parole di Evelyn Underhill. Sono gli esseri umani che hanno compreso il senso ultimo della vita, vivendo appieno il Primo Comandamento” dice Virginia Forrester, una traduttrice multilingue. “È praticamente impossibile scegliere un preferito tra i mistici. Ognuno di loro è una grande sfida per tutti noi. Tuttavia, se devo sceglierne uno, tra gli uomini è san Paolo per il suo intelletto e la sua profonda identificazione con Cristo. Tra le donne, Santa Caterina da Siena, per la sua mente, il suo impegno per Cristo, la sua comprensione dei dialoghi con Dio Padre. Entrambi i santi erano seri, implacabili e perseveranti, qualità che il primo comandamento esige”.

San Josemaría Escrivá © Opus Dei

“Quando ero bambina, non sapevo molto dell’intercessione dei santi. Il primo che ho pregato è stato San Josemaría Escrivá, quando ancora era beato, gli ho chiesto soccorso per la salute di mia nonna e ricordo che in più di un’occasione mi è stato di grande aiuto” commenta Larissa I. López, coordinatrice dell’edizione spagnola.

“Quando vivevo a Roma, chiedevo a San Giovanni Paolo II e a San Giovanni XXIII nella Basilica di San Pietro miracoli spirituali per le persone che amavo, e anch’essi fecero conseguire ottimi risultati. In questo momento sto pregando suor Belén de la Cruz, una carmelitana spagnola che ho incontrato e il cui processo non è ancora aperto.

In questo anno di San Giuseppe, rivolgo anche la preghiera di Papa Francesco a questo Santo, e ho pregato Giovanni Paolo II per la pandemia e i suoi effetti. Quando chiedi cose a Dio, attraverso i santi o direttamente a Lui, devi sempre ricordare una cosa. Dio è colui che meglio sa di cosa ha bisogno ciascuno, a volte non ci dà la grazia che chiediamo, ma ce ne dà un’altra che ci è più conveniente o che ci prepara a ricevere quella che vogliamo. Se ciò che chiediamo non accade, dobbiamo continuare a confidare che Dio sa meglio di noi quello che è bene per noi”.

“Non ho una devozione speciale per nessun santo – dice Gabriel Sales, editore dell’edizione spagnola – questo può sembrare strano ad alcune persone, ma prego direttamente Dio, Cristo, lo Spirito Santo e la Madonna”.

“Il mio santo preferito è san Josemaría Escrivá, fondatore dell’Opus Dei. Mi rivolgo a lui per qualsiasi necessità, da quelle spirituali a quelle materiali. Ma ho anche una devozione particolare per il Beato Álvaro del Portillo, suo successore, che ho conosciuto personalmente e che si festeggia lo stesso giorno del mio compleanno, il 12 maggio. Ovviamente, oltre alla Vergine e a San Giuseppe, che mia madre mi ha insegnato a invocare fin dall’infanzia, altri due santi a me molto vicini sono gli apostoli Andrea, di cui porto il nome, e il suo amico Giovanni, nome che abbiamo dato al nostro primo figlio”, conclude Andrea Acali, coordinatore dell’edizione italiana.

È chiaro che abbiamo toccato solo un piccolo campione di santi, quindi, per favore, condividi il tuo santo preferito nella sezione commenti nei nostri social. Prego che ci siano abbastanza risposte per giustificare una storia successiva.